157° Rgt. Brigata Liguria

INSTAGRAM

e.mail:157brg.liguria@anf-vicenza.it

(Monte Pasubio arco Romano con ai suoi piedi il cimitero della Brigata “Liguria” foto by Sergio Perissinotto)

Il Gruppo di Rievocazione Storica 157° Rgt. Brigata di fanteria “Liguria” nasce nel 2012 e si evolve entrando a far parte dell’Associazione Nazionale del Fante sezione di Breganze (Vi) divenendo gruppo storico ufficiale della Federazione del Fante di Vicenza.
Spinto dalla passione dei loro componenti per le vicende storiche che hanno caratterizzato l’Italia durante il periodo della Grande Guerra, il gruppo ha lo scopo di promuoverne la conoscenza e in particolar modo la vita vera e vissuta dei protagonisti, loro malgrado, della Prima Guerra Mondiale. Rievocando la composizione di un plotone di fanteria del Regio Esercito, utilizzando materiali d’epoca ed uniformi fedelmente ricostruite, grazie al coinvolgimento degli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore I.I.S. “Andrea Scotton” settore moda di Breganze e settore meccanico, ripornano in vita la memoria e le emozioni dei soldati impegnati nei campi di battaglia. Per fare questo il gruppo partecipa a cerimonie commemorative e ad eventi di rievocazione storica facendo didattica con le scuole e le amministrazioni locali che hanno come destinatari gli studenti e i giovani, prossimi protagonisti dell’Italia futura: sono occasioni per trasmettere loro con umiltà la memoria della Grande Guerra.
Perchè abbiamo scelto di rievocare la Brigata Liguria? Perché facciamo parte dell’A.N.F. che cercava una brigata di fanteria da far rivivere in mezzo alla gente, una brigata già disciolta perchè non vogliamo portare le mostrine di chi lo ha fatto per scelta e che per quelle insegne ancora oggi rischia la sua stessa vita. Per noi vicentini che almeno una volta nella vita siamo andati sul Monte Pasubio e sull’Altopiano dei sette comuni la brigata Liguria (brigata disciolta) è una certezza: essa si è ricoperta di onore nelle vicissitudini della Grande Guerra, ha avuto un grande comandante come il generale Achille Papa ed ha una discreta bibliografia fatta di diari e testi che ne raccontano episodi di vita vissuta e da cui noi possiamo prendere spunto per raccontare la storia degli uomini che la componevano.     

      

CERIMONIA AL SACRARIO BELVEDERE DEL PASUBIO E
VISITA ALLA CHIESETTA DELLA 44^ DIVISIONE DI FANTERIA

Domenica 1 settembre abbiamo partecipato all’annuale cerimonia al sacrario Belevedere di monte Pasubio organizzata in coabitazione tra la Associazione Nazionale del Fante federazione di Vicenza e Associazione Nazionale Alpini Sezione di Vicenza non prima però di aver fatto visita e deposto una corona di alloro  alla Cappella della Brigata Liguria che fu costruita presso il cimitero di Valli del Pasubio dai militari della 44° Divisione di Fanteria per onorare i compagni caduti sul Pasubio. Restaurata nell’ottobre 1989, custodisce una lapide a ricordo del comandante, il generale Achille Papa. 


Il sacrario Belevedere sotto il sol leone era imbandierato a dovere  i partecipanti erano moltissimi, da molto tempo secondo il presidente dell’associazione 3 Novembre proprietaria dell’immobile non si vedevano tante persone a ricordare i fatti d’arme e i caduti li sepolti.  

  

    

DAL MONTE CENGIO A FORTE PUNTA CORBIN

 

Il gruppo storico 157° Rgt. brigata Liguria domenica 4 agosto con una bellissima giornata e un gruppo di 70 persone tra a adulti e ragazzi di varia età ha percorso 18 kilometri visitando le trinceee e le gallerie del Monte Cengio per poi proseguire verso forte Punta Corbin, lungo il percorso è stato fatto onore con una breve ma sentita cerimonia nel primo luogo della sua sepoltura a Carlo Stuparich Ufficiale irridento del 1° Granatieri di Sardegna insignito della Medaglia d’Oro al Valor Militare il tutto con le spiagazionioni del nostro amico Giovanni Dalle Fusine storico, scrittore e recuperante. Giornata dura ma bellissima.


RIEVOCAZIONE STORICA A FORTE MONTECCHIO NORD- COLICO

20-21 / 07 / 2019′ rievocazione storica a Forte Montecchio Nord. Un week end in compagnia dei soldati dei due fronti contrapposti. Ad oltre 100 anni dalla fine della prima guerra mondiale, italiani – inglesi – austro ungarici a Forte Montecchio Nord. Manifestazione riuscitissima anche quest’anno. un modo per far conoscere a tutti, i tempi che furono durante il conflitto mondiale.

Presenti i rievocatori del Gruppo Storico 157° Rgt. Fanteria “Brigata Liguria” con  l’uniforme britannica il 12th Battallion Durham Light Infantry, il Nucleo Uniformi Storiche della Sezione AnArti Morbegno – Valtellina , il Gruppo Storico-Culturale “I Grigioverdi del Carso”, l’Associazione “Carabinieri Reali del Podgora”, l’Associazione “Caimani del Piave”, l’Associazione Storico-Culturale “La Gavetta” e l’Associazione Storico-Culturale “Fronte Orientale”, gruppi provenienti da tutta Italia e dall’estero, che hanno fatto della ricerca storica, unita alla passione per la rievocazione, la propria missione. A queste si unità in tutta la sua “potenza” di supporto logistico e non solo, la Sezione ANArti Valtellinese guidata dal tenente Emanuele Barini, oltre che con il proprio nucleo uniformi storiche (equipaggiato con le divise di uno dei reparti realmente in servizio al Forte durante la Grande Guerra).

 

VIDEO DELLA RIEVOCAZIONE BY LUCIANO COVA

https://www.facebook.com/teleunica/videos/2347164918937347/

   

   

   

   

 

RIEVOCAZIONE DINAMICA A SALETTO DI PIAVE

Nelle importanti trincee del Piave recuperate e mantenute da gruppo storico i Caimani del Piave a discapito dei capricci del fiume sacro si è svolta la rievocazione dinamica che simulava un assalto austriaco alle trincee italiane con relativo contro-attacco del Regio Esercito. Esperienza molto bella con i nostri amici caimani con cui collaboriamo spesso, il 157° Rgt. brigata Liguria si è ben comportato e portando a termi i compiti assegnati da quartier generale.

 foto by Giorgia Brisotto

           

XXVI PELLEGRINAGGIO INTERNAZIONALE DEL FANTE

               

Cornice ambientale fantastica, clima ideale, presenza istituzionale di alto livello, partecipazione personale intensa e coinvolta, bandiere e gonfaloni di prezioso e storico valore, terra sacra, drappello di uomini onorati di portare una divisa storica, parole e preghiere speciali per ricordare uomini ed eroi: ecco gli ingredienti perfetti di una giornata memorabile, quella di domenica 16 giugno 2019 XXVI Pellegrinaggio Internazionale del fante in Val Magnaboschi a Cesuna. La fortuna e l’onore di essere stati presenti a tale cerimonia è grande e deve essere ricordata come un’ennesima esperienza di unità attorno ai valori fondanti la nostra Patria e il nostro amore per un mondo migliore. Che bello poter dire: “Io c’ero”.

 

Grazie Patrizia Marangoni per le bellissime foto.

 

Saronno 5 maggio la tradotta porta i soldati del Regio esercito in città

Con l’arrivo del treno a vapore alla Stazione di Piazza Cadorna si è rievocato il ritorno dei reduci di guerra.

INIZIO SFILATA DEI REDUCI

 

 

Il 157° Reggimento della Brigata Liguria è stato il picchetto d’onore alla cerimonia per l’intitolazione di una Piazza a Fara Vicentino ai tutti i caduti d’Italia


Escursione a Plava e Quota 383.

31 marzo 2019: una bellissima giornata di sole primaverile ha accolto gli oltre 80 partecipanti, tra cui una ventina di ragazzi e ragazze, all’uscita storico-didattica a Plava (Slovenia) organizzata dal Coordinamento delle Associazioni d’armi di Breganze, di cui fa parte anche la sezione locale dell’Associazione Fanti. L’uscita prevedeva di ripercorre i luoghi delle vicende legate alla Quota 383 di Plava, una piccola collina di 383 metri di altezza, obiettivo di rilevante importanza strategica per il Regio Esercito che voleva crearvi una testa di ponte oltre il fiume Isonzo attraversandolo mediante un ponte di barche. La quota fu lungamente contesa tra italiani e austroungarici dall’11 giugno 1915 al 5 giugno 1917.

I Fanti del 157° al Job&orienta

.

L’assessorato all’istruzione, formazione, lavoro e pari opportunità  della Regione Veneto, nella figura dell’Assessore Elena Donazan, ci ha chiesto di partecipare dal 29 novembre al primo dicembre presso la fiera di Verona, al 28° salone nazionale dell’orientamento,la scuola, la formazione e il lavoro.
Si doveva stazionare, assistere e animare lo stand dedicato quest’anno alla celebrazione del centenario della Grande Guerra, e al legame con il lavoro il progresso e i cambiamenti sociali ed economici avvenuti in quel periodo.
Lo stand che si intitolava (da) GRANDI , è stato ideato e curato dal regista Giancarlo Marinelli sul tema dei Valori e del sacrificio dei padri della Patria, storia ed esempio ancora attuali all’approccio  alla vita adulta.
Bellissima e di grande successo l’idea di allestire un muro ove i ragazzi potevano lasciare un breve pensiero dopo esser passati per il coinvolgente percorso multimediale allestito nello stand, alcune delle frasi lasciate dai ragazzi sono la riprova che hanno una sensibilità e una coscienza che putroppo troppe volte sottovalutiamo, ne abbiamo fotografate un pò per averne testimonianza.
Il nostro compito durante questi tre giorni non è stato facile ma impegnativo, lo abbiamo egregiamente portato a termine con lo spirito che sempre anima il nostro gruppo fatto di Valori e Ideali e per ricordare quei giovani che 💯 anni fa permisero, con coraggio, sacrificio e senso del dovere di raggiungere la Vittoria.
Vorremmo fare un plauso alle ragazze che con noi hanno fatto servizio allo stand, alla scuola di cucina che ha preparato dei pasti luculliani, a chi ci ha invitato a questo evento meraviglioso e di successo, ma sopratutto ci ha dato al possibilità di conoscere il regista Giancarlo Martinelli persona di grande spessore culturale e sensibilità non comune.

“LA GUERRA E’ FINITA!

IL RITORNO DEI SOLDATI”

 

Finalmente è finita, finalmente possiamo tornare a casa, finalmente riabbracceremo i nostri cari, i nostri genitori, le nostre mogli, i nostri figli.

E sarà festa in paese, le campane risuoneranno con gioia, la banda e la gente del, posto accoglierà con entusiasmo e commozione i reduci di questa terribile Grande Guerra.

E dopo un secolo eccoci anche  noi qua, in stazione a Dueville, con i nostri labari, le nostre bandiere, con i costumi d’epoca, con il suono della banda, ad aspettare trepidanti i 40 rievocatori storici che arrivano con il treno.  Non hanno i volti segnati dalla fatica e dalla guerra , ma  il viso stupito ed emozionato di chi non si aspettava un’accoglienza così grande da parte di tutta la cittadinanza duevillese.

Kiev
Ho avuto l’onore di essere invitato dall’Addetto per la Difesa dell’Ambasciata d’Italia a Kiev in Ucraina, Colonnello Riccardo Cristoni, a presenziare, con la divisa storica del 157° Reggimento della Brigata “Liguria” (insieme a due rappresentanti del Battaglion Bassano 62^ Compagnia e a due Carabinieri Reali) al ricevimento che si è tenuto nella sala congressi dell’Hotel Radisson Blu in occasione dei festeggiamenti per la Giornata delle Forze Armate e Giorno dell’Unità d’Italia e per i 100 anni dalla Vittoria della nostra Nazione nella Grande Guerra,

 

 


LA STRADA DELLE 52 GALLERIE DEL PASUBIO

IL 15 agosto il gruppo storico brigata “Liguria” con ed altri rievocatori, con i fanti della sezione di Breganze e quelli della sezione di Dueville, famigliari, amici e bambini ha percorso la strada delle 52 gallerie del Pasubio, per poi fare una piccola cerimonia all’arco Romano deponendo una corona di alloro per tutti caduti del Pasubio, giornata spettacolare. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato, non è stato facile ma è stato bellissimo.

Nella prima foto il gruppo in divisa storica davanti alla galleria 44 dedicata ai zappatori e ai fanti della brigata “Liguria” che hanno collaborato alla realizzazione di questa incredibile strada. 

IL 157° Regg. fanteria della Brigata Liguria sul set della

“LA MATITA ROSSA”

Siamo nel 1918, sul fronte italiano. La guerra sta per finire ma i combattimenti sono ancora aspri. Un messaggio affidato ad un portaordini, nel mezzo di un bombardamento in una trincea, rivelerà il volto più odioso della guerra.

TRAILER DELLA MATITA ROSSA

 

Anche le uniformi hanno avuto un ruolo importante per la selezione tra i finalisti del Napoli Cultural Classic nella sezione “Migliori costumi” per La Matita Rossa. Quelle indossate dal gruppo Gruppo Storico “157 Regg.to Brigata Liguria” sono state realizzate dalle allieve dell’I.P.S.I.A. Scotton di Breganze. 

RIEVOCAZIONE DELLA SANTA MESSA DI NATALE 1917 – 2017A CESUNA, presso la ex GALLERIA FERROVIARIA

ANTEFATTO STORICO.
A ridosso del Natale 1917, il cappellano militare e musicista Don Pierino Chiesa, in stanza presso il Battaglione 533ˆArtiglieria d’Assedio sul nostro Altopiano, inviò alcuni dei suoi soldati a Salcedo per raccogliere provviste in vista della Festività ma, soprattutto, per farsi prestare dall’amico Don Bortolo Vidale l’Armonium della Parrocchia.
Lo strumento doveva servire per rendere la Santa Messa di Natale più «calda» ai soldati che si preparavano a celebrare la Festa della famiglia per antonomasia al fronte, lontani centinaia di chilometri dai loro cari.
Si è rievocato non un evento bellico sanguinoso, bensì un piccolissimo spaccato di gioia e serenità avvenuto nel teatro della Grande Guerra: un’apparente semplice Santa Messa di Natale che però racchiude in sé i forti valori che contraddistinguono le genti venete come la fede, il radicamento nelle tradizioni, il coraggio di sfidare le avversità.
Non da ultimo, il ruolo fondamentale, ma spesso dimenticato, della Chiesa al fronte.
Abbiamo riportato alla luce e fatto conoscere un episodio di micro storia locale innestato negli eventi della Storia Mondiale, proprio nell’arco temporale delle Celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra.
Grazie alla presenza dell’Armonium e del coro abbiamo ridato voce alla Pastorale composta in quell’occasione da Don Pierino Guerra ricordandone la sua figura e quella di un altro prezioso testimone di questa Storia, Don Bortolo Vidale, già parroco di Salcedo.

NOSTRA PAGINA FACEBOOK

 

Adunata Nazionale Del Fante 2016

Nel 2016 l’Associazione Nazionale del Fante ha deciso di celebrare il proprio raduno nazionale a Brescia. La 33° edizione dell’adunata nazionale si è svolta in città e in provincia dal 19 maggio al 22 maggio. L’obiettivo che l’Associazione intende perseguire è coniugare la memoria delle gesta della Fanteria con la realtà di oggi, nella consapevolezza che solo uno stretto rapporto con le giovani generazioni può generare un processo virtuoso che non disperda l’immenso patrimonio dei valori e delle tradizioni. Il Gruppo Storico 157° Regg.to Brigata Liguria ha aperto la sfilata della Federazione Provinciale di Vicenza in qualità di suo gruppo storico ufficiale. Un particolare ringraziamento a Marco Cerbo per la maggior parte degli scatti.

Cesuna – Val Magnaboschi, giugno 2016

All’annuale cerimonia commemorativa presso il cimitero di Val Magnaboschi, presente il picchetto d’onore del gruppo di rievocazione storica del 157° Regg.to Brigata Liguria

 

“Il Maggiore passa in rassegna le truppe e ne ispeziona le armi” Foto scattata sotto il bellissimo colonnato di Gualtieri (RE) da Marco Cerbo

 

 

Trincea “didattica”

Una delle primissime attività del Gruppo di rievocazione storica “157° Regg.to Brigata Liguria” ha avuto luogo a Breganze (Vi), il 23 Maggio 2015, vigilia del centenario dell’ingresso italiano nel primo conflitto mondiale.

Supportati dalla locale sezione del Fante, abbiamo dato la possibilità ad alcune classi delle scuole medie di vedere e toccare con mano quello che difficilmente i testi scolastici riescono a trasmettere, ovverosia le condizioni in cui si trovavano a vivere quotidianamente i Fanti durante la Grande Guerra.

Abbiamo spiegato ai ragazzi come vivevano e come combattevano i loro bisnonni, come erano equipaggiati, cosa mangiavano,  e tutte le difficoltà a cui andavano incontro semplicemente per sopravvivere; per poter così coronare il piccolo, ma importantissimo, sogno comune a tutti i soldati di tutte le epoche : poter tornare a rivedere le loro famiglie.

A seguire alcuni scatti della giornata.

6° ANNIVERSARIO DEL RECUPERO DEL CIMITERO DELLA BRIGATA LIGURIA “DI QUI NON SI PASSA” PASUBIO